IO e VINCE

Tra cappuccini decorati e botteghe musicali

Marco Bersani  e Vincenzo Fontana portano avanti obbiettivi interessanti ed ambiziosi in Piazza Garibaldi 4/C ad Argenta (Fe), una “filosofia” che voglio raccontare perché dovrebbe essere la regola mentre sembra “quasi” una bellissima eccezione. Marco dice: “La nostra trama si sta definendo, il nostro progetto diventa sempre più chiaro e le intenzioni che avevamo all’origine stanno diventando realtà; i nostri interessi vanno ad incontrare le sensibilità degli altri e nuove creazioni trovano da noi uno spazio di espressione”.
Io posso confermare di aver visto la nascita di un luogo accogliente e intelligente e questa non è una cosa banale perché qui vengono proposti con grande perseveranza eventi culturali, presentando musica, letture, artigianato e gastronomia  (quindi è un obbligo apprezzare e appoggiare l’intento di “Io e Vince” visto che molti altri locali non vanno oltre gli aperitivi e i caffè!).

1468666_10202031255214797_1240756463_n

Il teatro poi è d’eccezione. Qui, tra queste mura, si è consumata una storia che io ho potuto ascoltare solo come racconto per questioni anagrafiche: Il “Trigabolo” di Argenta, un nome, un luogo, una leggenda che evoca un qualcosa di mitologico, di incredibile, nei ricordi di tutti. Si trattava del locale di Giacinto Rossetti, che ha visto passare moltissimi grandi artisti nella sua cucina tra cui Igles Corelli, Bruno Barbieri, Marcello Leoni, Italo Bassi, Mauro Gualandi. Visto che parliamo di storia (ben documentata) non aggiungo altro. Solo per “Io e Vince” l’augurio e l’invito a continuare così…

Intervista a Claudio Lolli

5 febbraio 2015

Intervista a Icio Caravita

4 dicembre 2014

Azienda Agricola Gennari

3 dicembre 2014