Villa Venti

Dove l’uva si raccoglie in ginocchio pregando il dio Bacco.

Ci troviamo all’Azienda Vitivinicola Villa Venti dove Giardini Mauro ci spiega con passione le caratteristiche della sua attività adagiata sulle colline che portano a Roncofreddo in provincia di Forlì-Cesena . Parliamo innanzitutto della storia del luogo.  Alla fine del XV secolo le navi della “Serenissima” partivano da Cesenatico cariche di vino rosso e olio acquistato a Roncofreddo e i Veneziani, “gran signori”, di questi prodotti se ne intendevano! Parliamo di quanto sia importante fare un prodotto legato alla modernità  e cioè che sappia guardare l’antico reinterpretandolo in maniera attuale. Villa Venti è sempre in continua sperimentazione.
Queste colline sono storicamente una terra adatta alla bacca rossa e la vigna di Villa Venti adesso ha circa dieci anni di attività. Guardiamo un bel grappolo spargolo di uva Sangiovese, poi notiamo che le viti  sono molto basse, circa 50 centimetri da terra,  tanto che la vendemmia si fa in ginocchio.

Due (1)

La cantina è a Predappio ed è  molto ampia tanto che sono  14 le aziende agricole a vinificare al suo interno. Mauro ci spiega di come sia stato  attuato  il progetto  di Villa Venti che ha permesso di creare un’ identità del Sangiovese in Romagna, progetto riconosciuto su più fronti che ha dato loro molta soddisfazione.

IMG_1760

Mauro Giardini ci racconta dei commenti che arrivano da tutto il mondo  e della loro attenzione verso il web che è una “vetrina  365 giorni l’anno” e come però i suoi vini sono presenti in molti ristoranti dall’Osteria dei Frati al ristorante trattoria Marianaza di Faenza. Mauro ci invita a visitare www.villaventi.it e ci racconta di come con questo progetto stia cercando di dare un taglio moderno all’azienda ma con un occhio di riguardo verso il passato, ad esempio  con la sperimentazione dei vini in anfora, un affascinantissimo metodo originario della Georgia, antico 5 mila anni! L’idea del vino in anfora è stata condivisa da un  suo grande amico, Walter Del Pane,  il proprietario dell’Osteria della Sghisa di Faenza scomparso nel novembre 2012. Ringraziamo Mauro del bel giro panoramico per la sua Azienda e, mentre andiamo via, sottolinea che la produzione di un vino genuino è una questione di visione, di punto di vista, come quella dell’artista che perfeziona la sua opera.

Visita il sito www.villaventi.it
Articolo di Andrea Manica, foto di Villa Venti.

Zibba (cover)

Intervista a Zibba

7 novembre 2014

Chi Siamo? Cosa Facciamo?

Marianaza (cover)

Marianaza

31 ottobre 2014